Questo sito usa i cookies aiutandoci a capire come lo utilizzi per migliorare la qualità della navigazione tua e di altri.
Scorrendo la pagina o cliccando su qualunque elemento acconsenti all'uso dei cookie. informativa sulla privacy

EcoFoodFertility, il nuovo modello di valutazione dell'impatto ambientale sulla salute umana

L'ultimo Spermatozoo

Da anni gli spermatozoi sono in calo,
con gravi e­ffetti sulla fertilità
degli uomini. Ma il problema è poco
studiato, perché per
secoli l’infertilità è stata attribuita
(a torto) solo alle donne

venerdì 5 Ottobre Eccellenze Nolane, Campo Eubiotico

venerdì 5 Ottobre a partire dalle 17.30 - Cimitile (NA) Via Boscofangone

Presentazione del Campo Eubiotico Orto della Fertilità del Progetto di Ricerca EcoFoodFertility presso la cooperativa agricola Eccellenze Nolane a Cimitile (Na). L'evento rientra nell' ambito delle attività di animazione della seconda fase del progetto EcoFoodFertility che si sta portando avanti in particolare su ragazzi 18-22 enni con un progetto di prevenzione finanziato dal Ministero della Salute in tre aree pilota a forte pressione ambientale d'Italia ( Brescia, Valle del Sacco nel Frusinate e Terra dei Fuochi) sugli indici di contaminazione e sulla possibilità di intervento disintossicante da inquinanti ambientali con stili di vita corretti e intervento nutrizionale sul modello della dieta mediterranea con prodotti sani, di qualità, senza residui di pesticidi e ad alto potere detossificante (Bonifica uomo inquinato).

Meeting tossicolgia - Berlino 2018

Berlino Meeting internazionale Tossicologia 2018Presentati a Berlino al Meeting internazionale della Società Europea di Teratologia e Tossicologia ben tre nuovi lavori del progetto di ricerca EcoFoodFertility che sono pubblicati sul numero di settembre di Reproductive Toxicology. Nella foto il Dott. Luigi Montano, coordinatore del progetto.

 

Sperma: indicatore affidabile dell'inquinamento

polveri sottiliI fattori ambientali potrebbero avere un ruolo chiave nel continuo e notevole declino della qualità dello sperma osservato negli ultimi decenni. Questo studio ha confrontato i parametri seminali e lo sperma DFI negli uomini che vivono in aree con diversi livelli di inquinamento atmosferico. I risultati dimostrano che sia i lavoratori delle acciaierie che i pazienti che vivono in un'area altamente inquinata mostrano una percentuale media di frammentazione del DNA dello sperma superiore al 30%, evidenziando un chiaro danno spermatico. In questo lavoro, sono state utilizzate due diverse tecniche per misurare il danno del DNA spermatico nei gruppi di pazienti, trovando in entrambi i casi un DFI ad alto sperma in pazienti che vivono in aree inquinate. Noi candidati alla frammentazione del DNA dello spermatozoo come prezioso indicatore precoce della presenza e degli effetti nocivi dell'inquinamento. Suggeriamo che la valutazione del DNA dello sperma possa essere sia un indicatore della salute individuale e della capacità riproduttiva, sia un dato adeguato per connettere l'ambiente circostante con i suoi effetti.

ABSTRACT in Inglese

Uomini in salute: lo predice la qualità dello sperma

Negli uomini l'infertilità non va sottovalutata: può essere un segnale d'allarme per ipertensione, disturbi endocrini o della pelle. Lo svela uno studio dell'Università di Stanford.

Spermatozoi piccoli, deboli o poco attivi non minacciano solo i progetti di coppia, ostacolando il desiderio di paternità, ma potrebbero essere un segnale da non sottovalutare: negli uomini la qualità dello sperma sembra essere strettamente correlata allo stato di salute generale, tanto da poter essere rivalutata come fattore predittivo o segnale di allarme di ipertensione, disturbi endocrini o della pelle.

Premio Bracci a EcoFoodFertility

Terra dei fuochi: veleni nello sperma Premio Bracci alle analisi di Montano

luigi montano 2NAPOLI - Al 90° congresso nazionale di Urologia il prestigioso premio Bracci 2017 va a un nuovo modello di valutazione di impatto ambientale sulla salute umana, il riconoscimento alla migliore pubblicazione scientifica su rivista internazionale del 2016 è stato assegnato al campano Luigi Montano, presidente della Società Italiana di Riproduzione Umana, per la ricerca “Il seme sentinella”. Nella cerimonia di apertura del congresso con 2000 urologi da tutta Italia a Napoli - Mostra d’Oltremare dal 7 all’11 ottobre - la Società Italiana di Urologia ha inteso porre al centro un argomento tanto attuale quanto spinoso sul rapporto Ambiente-Salute, coi risultati del primo biomonitoraggio integrato su sangue e liquido seminale in “Terra dei fuochi” condotto nell’ambito del progetto di ricerca EcoFoodFertility, di cui Montano è ideatore e coordinatore.