Questo sito usa i cookies aiutandoci a capire come lo utilizzi per migliorare la qualità della navigazione tua e di altri.
Scorrendo la pagina o cliccando su qualunque elemento acconsenti all'uso dei cookie. informativa sulla privacy

EcoFoodFertility, il nuovo modello di valutazione dell'impatto ambientale sulla salute umana

i veleni «uccidono» la fertilità maschile - Il Mattino

I giovani nati e cresciuti nella Terra dei Fuochi o vicino all'Ilva di Taranto potrebbero avere danni al Dna da risultare poi o sterili o a fertilità compromessa. L'inquinamento potrebbe incidere in modo irreversibile sulla sfera riproduttiva maschile, in Italia e nei Paesi occidentali o comunque laddove si nasce e si cresce circondati da tossici ambientali. Il liquido seminale sembra, infatti, essere il primo a restare danneggiato nella sua produzione e maturazione biologica dai «veleni» di aria, acqua e suolo. Gli studi nelle aree della Terra dei Fuochi in Campania e dell'Ilva di Taranto danno un risultato inequivocabile: cala la qualità del liquido seminale, alterato il 35% del Dna spermatico. E quando la Natura individua le alterazioni attiva un «bottone rosso» per impedire la riproduzione del Dna «malato». Quindi induce sterilità.

Bruxelles: confronto sulle aree ad alto rischio ambientale

bruxelles dicembre2016“E’ necessario che l’Unione europea si doti entro tempi brevi di una guida scientifica per la prevenzione e la riduzione dei rischi per la salute nelle aree con alta pressione ambientale”. E’ quanto è emerso nel corso dei lavori della tavola rotonda sulle “Aree con alta pressione ambientale” che si è tenuta a Bruxelles nella sede del Parlamento europeo e promossa da Nicola Caputoeurodeputato S&D e membro della Commissione Ambiente. Nel corso dell’iniziativa è stata presentata una ricerca di EcoFoodFertility che  mira ad utilizzare il liquido seminale come sentinella precoce dello stato dell’ambiente e della salute umana. “Un’idea semplice – spiega Caputo – resa possibile dalle nuove tecnologie disponibili e dall’evoluzione della ricerca degli ultimi 15 anni messe a punto da ricercatori capaci e determinati come il “campano” Luigi Montano.

Terra di fuochi Non di padri - Repubblica

COMBATTERE l'inquinamento aiuta a proteggere la fertilità, soprattutto maschile. E proteggere la salute dello sperma aiuta a tutelare l'ambiente. È il ragionamento alla base di Ecofoodfertility, un progetto di ricerca internazionale che indaga gli effetti di inquinamento e alimentazione sulla fertilità Nasce dall'impegno di Luigi Montano,

Veronesi: ultimo allarme sull’ambiente - Corriere

Test su veleni e infertilità maschile.

"Taranto e la Terra dei fuochi sono le situazioni drammatiche in cui la necessità di creare gruppi di ricerca dedicati è stato il primo pensiero di noi scieriziati. Nel caso dei rifiuti tossici in Campania, avallato anche da un noto editoriale di Nature, di fronte all'obbrobrio delle ecomafie, dello sversamento di rifiuti tossici nell'ambiente, delle gestioni industriali scellerate, una seria analisi epidemiologica, è il primo passo per riconoscere le sostanze pericolose, identificare le responsabilità, propone soluzioni".

Simboli e processi di costruzione simbolica; La Terra dei fuochi

Nelle scienze antropologiche, la ricerca sui simboli è un campo di studio pertinente e ben riconoscibile. Nella maggior parte dei casi, il simbolismo è stato analizzato soprattutto nella sfera magico-religiosa. Nel presente studio proponiamo un'analisi dei processi di costruzione simbolici nel campo secolare. Partendo da problemi ambientali presenti in una regione del Sud Italia, la Campania, l'articolo propone un'analisi morfologica e semantica degli incendi. Considerati come oggetti morti, i rifiuti domestici e industriali conservano una serie di proprietà che generano fenomeni sociali di rischio e malattia. Consultando fonti digitali, letterarie, iconografiche, ecc. Lo studio offre un'interpretazione dei simboli come fattori di destabilizzazione culturale e identità.

di Vincenzo Alliegro (marzo 2018)

ABSTRACT >

LEGGI TUTTO >

Dammi il liquido seminale e ti dirò in che ambiente vivi - La Città

Arriva da un piccolo ospedale di periferia, il "San Francesco d'Assisi" di Oliveto Citra, la scoperta medico-scientifica che mette in correlazione il liquido seminale e la salubrità dell'ambiente, attraverso un studio che permette di diagnosticare e prevenire, le conseguenze negative dell 'impatto ambientale sulla salute umana. Autore e coordinatore del progetto pilota denominato "EcoFoodFertility" è Luigi Montano, uroandrologo presso l'ospedale di Oliveto Citra, esperto in Patologia Ambientale e presidente della Società Italiana di Riproduzione Umana. La ricerca si fonda sulla duplice funzione del liquido seminale quale sentinella precoce e sensibile, della qualità ambientale e della salute.

Seme umano sentinella dell'inquinamento - Corriere

Prelevati 222 campioni in due territori diversi, un corso di formazione dell'Asl di Salerno

«il corso di formazione - spiega Montano - ha come obiettivo quello di formare operatori del benessere nell'ottica della OneHealth, capaci di indagare sulle quattro componenti fondamentali della Medicina dello Stile: ambiente, nutrizione, attività motoria, psicologia». In questo contesto di sintesi tra salute e ambiente si colloca il progetto Ecofoodfertility. Un vero e proprio faro acceso sulla connessione tra liquido seminale e inquinamento ambientale. Un progetto nato dalla volontà di dare risposte scientifiche· alle popolazioni residenti nell'area della Terra dei Fuochi.

Ulteriori dati sui rischi di salute per chi vive nella "Terra dei Fuochi"

Dati che confermano la precocità del seme rispetto al sangue, nell'evidenziare i primi segni di stress ambientale sulla salute umana, rendendolo più affidabile e precoce, nel valutare i danni biologici indotti dall'inquinamento. L'impatto di queste nuove informazioni in ambito di salute pubblica è molto importante, perché fornisce un nuovo strumento ai policy makers, al fine di avviare nuovi, più efficaci e precoci interventi di prevenzIone pnmana.

Sterilità in aumento per i troppi inquinanti

“E’ un progetto di ricerca multicentrico e multidisciplinare che, in un’ottica di prevenzione primaria e al fine di procedere con interventi più precoci a salvaguardia della salute delle popolazioni che vivono in contesti ambientali più sfavorevoli, introduce un approccio integrato e diretto di valutazione del rischio biologico precoce. Il progetto ha individuato nel seme maschile una chiave di lettura affidabile per meglio valutare il peso dell’inquinamento ambientale sulla salute umana e per svelare i meccanismi più fini del rapporto Ambiente-Salute.