Questo sito usa i cookies aiutandoci a capire come lo utilizzi per migliorare la qualità della navigazione tua e di altri.
Scorrendo la pagina o cliccando su qualunque elemento acconsenti all'uso dei cookie. informativa sulla privacy

EcoFoodFertility, il nuovo modello di valutazione dell'impatto ambientale sulla salute umana

Troppi inquinanti: sterilità in aumento

sterilita in aumento Terra dei fuochi, nuovo allarme: sterilità in aumento per i troppi inquinanti - 4 luglio 2017

L'intervista al dott. Luigi Montano, Uroandrologo dell'Asl di Salerno. Fonte: Napolitoday.it

Terra dei fuochi, nuovo allarme: sterilità in aumento per i troppi inquinanti
Un progetto di ricerca, "EcoFoodFertility", ha dimostrato alterazioni del liquido seminale associate a inquinamento ambientale indicando un possibile maggior rischio di patologie.

L'intervista al dott. Luigi Montano, Uroandrologo dell'Asl di Salerno, ideatore e coordinatore del progetto.

Vai all'articolo su Napolitoday.it

EcoFoodFertility al Ministero della Salute

Il 4 aprile 2017 presso la Direzione Generale della Prevenzione Sanitaria del Ministero della Salute si è tenuto l'incontro fra il coordinatore dell'Associazione di promozione sociale a scopi scientifici EcoFoodFertility Dr. Luigi montano e la Dr.ssa Sara Terenzi del Ministero della salute per l'avvio del Progetto Nazionale "Valutazione dell'Impatto Ambientale ed Alimentare sulla Funzione riproduttiva maschiel; Un modello di intervento per la prevenzione dell'infertilita in adolescenti sani residenti in aree a forte impatto ambienatle." Per l'avvio istituzionale della sperimentazione del Progetto Nazionale patrocinato dal Ministero della Salute, sono state individuate le prime tre aree pilota Brescia-Caffaro (Lombardia, Val di Sacco (Lazio), Acerra (Campania). Nelle tre aree verranno individuati gruppi di ragazzi di circa 20 anni per un percorso che porti ad ottenere dati scientifici sulla valutazione dell'impatto ambientale ed alimentare sulla funzione riproduttiva maschile

Società Italiana di Riproduzione Umana

Comunicato Stampa Società Italiana di Riproduzione Umana (SIRU) 

Società Italiana della Riproduzione Umana

SIRU Società Italiana della Riproduzione Umana
Roma 29/3/2017

Comunicato stampa

Nasce SIRU, la Società Italiana della Riproduzione Umana
che riunisce per la prima volta tutti gli operatori del settore
Approccio multidisciplinare per la prevenzione e la ricerca sugli aspetti 
che più incidono sulla fertilità e la denatalità : ambiente, alimentazione, stili di vita

L’impatto ambientale sulla salute umana

mappa terra dei fuochi

EcoFoodFertility: un nuovo modello per la valutazione dell’impatto ambientale sulla salute umana e per la prevenzione primaria nelle aree a rischio

A cura di Serena Di Nardo – Sorveglianza Epidemiologica Emilia-Romagna - IZSLER

Un nuovo modello per la valutazione dell’impatto ambientale sulla salute umana e per la prevenzione primaria nelle aree a rischio

Leggi l'articolo su alimenti e salute:  http://www.alimenti-salute.it/notizie.php?idnotizia=1869

Osservatori per la tutela della salute e dell’ambiente

Sabato 13 Dicembre dalle ore 15.30 presso la sede Operativa Regionale dell’ISDE Medici per l’Ambiente Campania, di ECOFOODFERTILITY e di altre associazioni di una rete locale per l’Ambiente e la Salute in Via Leonardo da Vinci, 50 ad ACERRA,  che nell’occasione di questo importante evento inaugureranno al propria sede, partirà la Prima Giornata di Formazione degli Osservatori Civici Europei della Regione Campania a cura della Federazioni delle Associazioni che già da qualche tempo in stretto contatto con il Prefetto Cafagna, incaricato del Ministero dell’Interno per il fenomeno dei Roghi,  stanno avviando un percorso di vera rivoluzione culturale in tema di cittadinanza attiva sul fronte della tutela dell’ambiente e della salute. Il Progetto per gli stati generali delle associazioni locali si chiama COHEIRS acronimo inglese (“Osservatori Civici per la tutela della salute e dell’ambiente”)

Ricerca europea su cibo e salute

cibo e salute

Si chiama Ecofoodfertility ed è una ricerca scientifica tesa a dimostrare i maggiori rischi per la salute per i cittadini che vivono in zona altamente inquinate. Il progetto nasce dal CNR di Avellino e coinvolge i centri di ricerca di Napoli, Roma e Faenza e le Università di Torino, Barcellona, Praga, Brno ed Atene. La ricerca analizzerà il liquido seminale di soggetti tra i 20 ed i 40 anni in Italia (zona della terra dei fuochi appunto), Grecia, Spagna e Repubblica Ceca per capire gli effetti dell'inquinamento sul DNA. Sarà analizzato anche il cibo. I medici lanciano un appello: mangiate meno carne, alimento che trattiene gli inquinanti, e più verdure...anche nella terra dei fuochi.

vai al video >